Ivrea, città industriale del XX secolo

Fondata nel 1908 da Camillo Olivetti, la città industriale di Ivrea è un progetto industriale e socio-culturale del XX secolo. La società Olivetti ha prodotto macchine da scrivere, calcolatrici meccaniche e computer da tavolo. Ivrea rappresenta un modello di città industriale moderna e una risposta alle sfide poste dal rapido cambiamento industriale. È quindi in grado di proporre una soluzione e fornire un contributo alle teorie dell'urbanistica e dell'industrializzazione del XX secolo. La forma urbana di Ivrea e gli edifici furono progettati da alcuni tra i più noti architetti e urbanisti italiani del periodo tra gli anni '30 e '60, sotto la direzione di Adriano Olivetti. La città è composta da edifici per l'industria, l'amministrazione, i servizi sociali e le residenze che riflettono le idee del Movimento Comunità fondato a Ivrea nel 1947 sulla base del libro di Adriano Olivetti del 1945 l'Ordine politico delle Comunità. La città industriale di Ivrea rappresenta quindi un esempio significativo delle teorie dello sviluppo urbano e dell'architettura del XX secolo in risposta alle trasformazioni industriali e sociali, compreso il passaggio dalle industrie meccaniche a quelle digitali.

Documentazione

  • Rapporto del Comitato