Normativa

Normativa

Legge n. 77 del 20 Febbraio 2006 – Testo vigente

“Misure speciali di tutela e fruizione dei siti e degli elementi italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella «lista del patrimonio mondiale», posti sotto la tutela dell’UNESCO”.

Con l’approvazione della Legge 8 marzo 2017, n. 44, “Modifiche alla legge 20 febbraio 2006, n. 77, concernenti la tutela e la valorizzazione del Patrimonio culturale immateriale”, il campo di applicazione della Legge è stato esteso anche agli Elementi della Convenzione Unesco per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale del 2003.

Versioni precedenti

Legge 20 febbraio 2006 n. 77- aggiornamento 2013

Modifiche agli interventi di cui alle lettere c) e d) dell’art.4 della Legge vengono apportate dal comma 1 dell’art. 3-ter, D.L. 8 agosto 2013, n. 91, nel testo integrato dalla legge di conversione 7 ottobre 2013, n. 112

Legge 20 Febbraio 2006 n. 77 aggiornamenti 2013

Legge 20 febbraio 2006 n. 77- aggiornamento 2010

Legge 20 febbraio 2006 n. 77- aggiornamento 2010

Ai sensi dell’art. 31, Legge 4 giugno 2010, n. 96 – Legge comunitaria 2009 – agli interventi già previsti all’art. 4 comma 1 è stata aggiunta una nuova tipologia di spesa:

d-bis) alla valorizzazione e alla diffusione del patrimonio enologico caratterizzante il sito, nell’ambito della promozione del complessivo patrimonio tradizionale enogastronomico e agro-silvo-pastorale.

Legge 20 Febbraio 2006 n. 77 aggiornamenti 2010

Legge n. 77 del 20 Febbraio 2006 – Testo originario

Legge n. 77 del 20 Febbraio 2006 – Testo originario

“Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella “lista del patrimonio mondiale”, posti sotto la tutela dell’ UNESCO” – G.U. n. 58 del 10 marzo 2006   

All’atto della sua emanazione, la Legge 77/2006 prevedeva, all’art. 4 comma 1, interventi finanziari a sostegno delle attività di valorizzazione, comunicazione e fruizioni destinati esclusivamente ai Siti UNESCO inseriti nella Lista del Patrimonio mondiale culturale e naturale, volti:

a) allo studio delle specifiche problematiche culturali, artistiche, storiche, ambientali, scientifiche e tecniche relative ai siti italiani UNESCO, ivi compresa l’elaborazione dei piani di gestione;

b) alla predisposizione di servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico, nonché servizi di pulizia, raccolta rifiuti, controllo e sicurezza;

c) alla realizzazione, in zone contigue ai siti, di aree di sosta e sistemi di mobilità, purché funzionali ai siti medesimi;

d) alla diffusione e alla valorizzazione della conoscenza dei siti italiani UNESCO nell’ambito delle istituzioni scolastiche, anche attraverso il sostegno ai viaggi di istruzione e alle attività culturali delle scuole.

http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1448558265962_L_77_del_20_02_2006.pdf

CIRCOLARI ATTUATIVE

Circolare attuativa in vigore dall’EF 2019

Circolare attuativa n. 24/2019 del Segretario Generale del Ministero per i beni e le attività culturali
Criteri e modalità di erogazione dei fondi destinati alle misure di sostegno per i Siti e gli Elementi del patrimonio mondiale

Circolari precedenti:

Circolare attuativa n. 21/2016 del Segretario Generale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Criteri e modalità di erogazione dei fondi

Circolare n.21/2016 SG: Criteri e modalità di erogazione dei fondi

Circolare attuativa n. 17 del 3 maggio 2018 del Segretario Generale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Criteri e modalità di erogazione dei fondi destinati alle misure di sostegno per gli Elementi del patrimonio culturale immateriale